Chi siamo

La storia

L’Associazione culturale Zero in Condotta ONLUS è nata per occuparsi di bambine e bambini immigrati e si prefigge di creare opportunità formative e ricreative che tengano conto dell’unicità di ogni bambino e della diversità delle famiglie di provenienza, contribuendo al benessere dei minori a vari livelli.

Dal 2001 al 2016 l’Associazione ha gestito il Centro Interculturale per minori (2-6 anni) Shishu Bhavan (in bengali “casa del bambino”), continuando a livello di impostazione il progetto pedagogico iniziato nel 1995 dal Centro Armadillo dell’ASAL (Associazioni Studi America Latina). Il centro Armadillo si proponeva come luogo di accoglienza, di aggregazione e di scambio culturale, oltre che punto di riferimento per servizi di base per cittadini immigrati ed era dedicato in modo particolare ai bambini ed alla loro integrazione. Il Centro forniva sostanzialmente accoglienza abitativa alle famiglie immigrate con figli, servizio di doposcuola ai minori immigrati (scuola elementare e media), sportello dei diritti ( consulenza relativa ai permessi di soggiorno e al lavoro), consultorio medico ( generico e pediatrico), consulenza psicopedagogia, corso d’italiano per adulti e minori.

Sin dall’inizio hanno preso parte alla progettazione e all’organizzazione dell’Armadillo alcune delle persone che nel 1999 si costituiscono Associazione Zero in Condotta ONLUS.

Dall’agosto 2001 il Centro viene spostato nella zona di Tor Sapienza (V Municipio) in via Casali del Drago 10 e prende il nome di Shishu Bhavan.

Dal 1 ottobre 2016 il suddetto Centro è stato chiuso per mancanza fondi.

Dal 2007 l’Associazione gestisce inoltre il Centro di Accoglienza Ammr Bhavan (in bengali “casa della mamma”) per donne con figli, accoglienza diffusa in 4 appartamenti, per un totale di 26 beneficiari. Dal 2014 il Centro di Accoglienza è entrato a far parte del circuito SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), soggetto capofila – Roma Capitale.

Finalità del lavoro dell’Associazione

– Creazione di luoghi di accoglienza per minori e adulti

– Attenzione a tutte le aree di sviluppo del minore

– Promozione del benessere dei minori e del loro nucleo familiare

– Prevenzione del rischio di disagio e marginalità sociale

– Tutela del diritto all’infanzia

– Creazione di reti relazionali e affettive che facilitino l’inserimento sociale

– Condivisione dei progetti educativi

– Creazione di un clima interculturale positivo

– Valorizzazione dell’unicità di ognuno

– Promozione del dialogo interculturale

– Trasferibilità dei risultati

 

Valori guida

Antirazzismo

Partecipazione

Accoglienza

Ascolto

Interculturalità